Vichyssoise

Certo che il tempo passa eh! Mi accorgo solo ora che è ben una settimana che non passo a scrivere qualcosa, e non v proprio bene :( la settimana scorsa è stata da dimenticare, lavoro, lavoro e ancora lavoro e, a luglio e con questo caldo è davvero difficile tornare a casa e avere voglia di mettersi a cucinare. Beh, speriamo che questa settimana vada un pochettino meglio!

Sfogo a parte il caldo e il lavoro mi hanno portato alla ricerca di una di quelle ricette che io chiamo “minima-spesa-massima-resa”, dove qui per spesa intendo fatica :-) E quindi ecco che mi viene quasi naturale pensare a una zuppetta fredda, fatta di pochi ingredienti e che si prepara quasi da sola, mescolando tutto insieme, lasciandola cuocere a fuoco dolce e poi mettendola in frigorifero per almeno 4 ore. E poi ecco in ordine sparso altri dei miei buoni motivi per fare questa zuppetta: mi ricorda il recente viaggio a Parigi, è bianca e soffice, è la stessa zuppa di cui si è innamorato Anthony Bourdain, l’autore dei Kitchen Confirential, quando era piccolo, è dolce ma saporita al tempo stesso, ha un nome davvero strano (la cui è origine è un po’ incerta, leggete qui) …insomma vi ho convinto?

Vichyssoise

Ingredienti: 600 g di patate, 500 g di porri, 1 cipolla, 250 ml di latte, 150 ml di panna, 1 litro di brodo di pollo, 1 noce di burro, sale & pepe, noce moscata

Sbucciare le patate e tagliare a fettine sottili. Sbucciare i porri e la cipolla e affettarli sottilmente. Mettere la noce di burro in una pentola capiente e fare cuocere a fiamma molto bassa il porro e la cipolla. Quando saranno morbide aggiungere le patate e poi il brodo di pollo, mescolare bene. Salare e pepare, coprire e lasciare cuocere per 30 minuti, mescolando di tanto in tanto. Togliere dal fuoco e passare al minipimer o in un frullatore, aggiungere poco per volta il latte e la panna, mescolare regolare il sapore e mettere in frigo per almeno 4 ore. Servire con erba cipollina. Et bon appétit!

10 thoughts on “Vichyssoise

  1. @duil: visto che ogni tanto arriva qualcosa anche per te :)))

    @pips: moooolto simile, ma non è esattamente la stessa cosa. proverò anche quella!

    @claudia: ciao! anche a me non dispiace tiepida, ma fredda, visto il caldo è una vera goduria! baci!

    @ila: ma noooooo, come non le hai mai provate?? Forse pensi che la consistenza sia tipo brodino? no guarda che sono belle dense e super super buone! provale daiiiiiii :)

    @kristel: grazie! Passo da te di sicuro!

    @marinella: benvenuta e…grazie mille :)

  2. Ahhh, ho scoperto qual è per me lo zoccolo duro della cucina, quello che proprio faccio fatica a superare…le zuppe fredde… Non ne ho mai provate, intendiamoci, ma non so perchè mi fanno impressione… Ma prima o poi ne provo una, così magari sfato un mito e scopro una nuova passione! :) Bella foto, però!
    ;)

  3. ciao Ilaria!
    ci credi che io l’ho sempre mangiata, contrariamente a quanto dice la tradizione, tiepida/calda??? però con il caldo incredibile di questi giorni non si può proprio… e il passaggio in frigo diventa d’obbligo.

    baci
    Claudia

  4. non so se sia la stessa o meno, ma la conosco con il nome di Parmentier! forse ci sono meno porri ed è più cremosa… buonissima!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...