Pandoro perdu

 

C’è qualcuno che ha già iniziato a mangiare il pandoro e si trova con degli avanzi chiusi nel sacchettino? Bene, se la risposta è si, ecco qui un modo (direi veramente molto, molto calorico) per fare fuori gli avanzi. Questo famoso pain perdu, che avevo visto tempo fa sul blog del cavoletto,  mi aveva ricordato di una merenda che ogni tanto mangiavo quando ero piccola con mio papà (quasi di nascosto da mia mamma e ora, visto le calorie, capisco perché!) . In pratica prendevo una fetta di pane dei toast, una padella antiaderente, una noce di burro e facevo rosolare il pane nel burro fuso. Una volta pronto ci mettevamo sopra il cacao, giusto per non farci mancare niente :)

Ecco quando ieri mattina mi sono svegliata con i rimasugli della festa natalizia di sabato sera e ho visto le fette di pandoro avanzato mi è subito venuta in mente di provare questa ricetta. Manco a dirlo il risultato è una bomba (in tutti i sensi direi): golosa, profumata, coccolosa… però credo che se ne possa mangiare al massimo una fetta a testa, e che vada a sostituire un pranzo vero e proprio. L’idea potrebbe essere quella di sfruttare il pandoro perdu per i giorni dopo Natale, in cui ci si sveglia con calma, sul tardi e si uniscono colazione e pranzo.
Ed ora, per tutti i golosi, ecco qui la ricetta del pandoro perdu: versare del latte in un piatto fodno, in un altro piatto sbattere due uova e infine, in un terzo piatto, mescolare 20g di zucchero con 40 g di farina di mandorle. Prendere le fette di pandoro avanzate e tagliarle abbastanza spesse. Passarle in sequenza nel latte, poi nell’uovo e infine nella farina+zucchero. Tagliare una noce di burro e farla sciogliere in una padella antiaderente. Aggiungere nella padella la fetta di pandoro e farla rosolare da entrambi i lati, girandola quando un lato sarà dorato. Servire ancora caldo, con una tazza di the, caffè o succo di frutta.

Ah urca, quasi dimenticavo, c’è una notizia importante oggi! Dopo mesi di riunioni, cene, aperitivi, progetti, disegni, foto e tanta passione nasce Phood: un progetto tutto al femminile che ruota al mondo del food e della fotografia (ma non solo!). Vi ho incuriositi? Leggete tutto qui: eventi, workshop e molto altro ancora!

3 thoughts on “Pandoro perdu

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...